Chi è considerato lavoratore?

La definizione di "lavoratore" secondo il T.U. è: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un'arte o una professione.. Al lavoratore così definito e' equiparato: il socio lavoratore di cooperativa o di società, il soggetto beneficiario il tirocinante di tirocini formativi e di orientamento, l'allievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori e/o videoterminali, il volontario, come definito dalla legge 1° agosto 1991, n. 266; i volontari del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e della protezione civile; il volontario che effettua il servizio civile; il lavoratore addetto ai lavori socialmente utili. Quindi chi ha anche solo un lavoratore delle tipologie sopra elencate è tenuto ad applicare il T.U. effettuando la valutazione dei rischi, la predisposizione del DVR, la nomina dell'RSPP ecc. In conclusione, solo chi lavora da solo o gli addetti ai servizi domestici e familiari non deve adempiere agli obblighi in materia di sicurezza.

COD